Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

Fondi di Garanzia mutui prima casa

 

Pensi di avere poche possibilità di accedere a un mutuo casa?

Forse ti sbagli!
Grazie alla nascita del nuovo Fondo di Garanzia per la prima casa, reso operativo dall’accordo tra l’Associazione Bancaria Italiana e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il 50% dell’importo del mutuo potrà essere garantito dallo Stato.
Questa garanzia può facilitare l’operazione, estendendo di fatto la possibilità di ottenere un mutuo anche a soggetti che altrimenti verrebbero ritenuti poco solvibili.
In pratica oggi hai un’opportunità concreta in più!

Ma quali mutui possono essere garantiti?

Le agevolazioni riguardano i mutui stipulati per acquistare la “prima casa”, ossia la casa in cui intendi stabilire la tua residenza, oppure per acquistarla e ristrutturarla, incrementandone l’efficienza energetica.
Il mutuo inoltre:
•    non deve superare i 250 mila euro d’importo
•    non deve riguardare abitazioni di lusso (sono escluse infatti le categorie catastali A1, A8 e A9, ossia abitazioni di tipo signorile, ville, palazzi storici, ecc.)
•    deve riguardare una casa ubicata sul territorio italiano
Non puoi richiedere la garanzia se possiedi già un immobile ad uso abitativo, a meno che tu non l’abbia acquisito in eredità e dato a titolo gratuito a un familiare.

Chi può beneficiare delle agevolazioni?

Tutti possono richiedere la garanzia, ma a determinate categorie di persone viene data una corsia preferenziale. Queste, a parità di condizioni, potranno accedere alla garanzia in via prioritaria e godere anche di tassi più vantaggiosi.
Si tratta di:
•    giovani coppie, con almeno uno dei due componenti di età inferiore ai 35 anni
•    genitori single con figli minori (siano essi non coniugati, separati, divorziati o vedovi)
•    assegnatari di case popolari
•    giovani con età inferiore a 35 anni e titolari di un rapporto di lavoro atipico

Se rientri in una di queste categorie, il tasso di interesse del tuo mutuo sarà un tasso di interesse “calmierato”. Al tuo mutuo infatti non potrà essere applicato un tasso effettivo globale superiore al tasso effettivo globale medio determinato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Scarica qui il modulo di richiesta.